CILEでダヤエラグリーン医学革命

Q uestadolcissimabimbad inome EMILIA, 大麻のおかげで脳腫瘍を破ったこと, それは小さな証言プロジェクトダヤです, 最初, ラテンアメリカのすべてで, これは薬用大麻の法的栽培を提供.
フンダシオンダヤは、その目標は人間の苦しみを緩和するための研究や代替療法を促進することである非営利団体であります.
ドキュメンタリーは-available大辞典YouTubeに次の– 世界の健康政策の人々によって大麻に関連して管理の発展のモデルを示しています.
それを保存! 大麻は「世界遺産に登録されて. それだけの利益を考える企業のクラッチに残すことができません.
オタクメディアのドキュメンタリー映画, これは、パラダイス種子によって生成されます, オランダの種子会社は、常に積極的に情報の普及と促進に関与, 医療大麻に関連する取り組みやプロジェクト.
www.paradise-seeds.com
www.onairmagazine.it

MedicalCannabisBikeTour>*ci siamo*


M a n c a n o p o c h i g i o r n i all’evento di solidarietà cannabica più importante del mondo.
Siamo veramente orgogliosi, ad un solo anno di distanza dalla nascita del nostro magazine, di essere riusciti a sponsorizzare questa iniziativa così meritoria. Ma non finisce qui: OnAir infatti seguirà da vicino, tappa per tappa, istante per istante e pedalata dopo pedalata le terza edizione dell’MCBT dal’11 al 13 giugno, attraverso tre Paesi – Germania, Belgio, Olanda – e con arrivo ad Amsterdam nel weekend del Cannabis Liberation Day!
Mentre ancora fervono i preparativi, siamo lieti di pubblicare il logo della nostra sponsorship gentilmente speditoci dagli organizzatori che ringraziamo e vogliamo aggiornarvi sulla campagna di crow funding che sarà lanciata dagli stessi organizzatori del tour il giorno della partenza per ulteriori 85.000 euro per i progetti di studi clinici e di ricerca sulla cannabis medicale che i MCBT promuove. Ringraziamo quindi fin d’ora, anche a nome degli stessi organizzatori, chiunque voglia aiutarci a promuovere e diffondere l’iniziativa, contribuendo, ne siamo certi, a rivoluzionare la storia della medicina e ad aiutare migliaia di persone di tutte le età che oggi beneficiano delle molte proprietà della nostra amata ganja!
Follow the Medical Cannabis Bike Tour on フェイスブック and ツイッター
MC Biketour
Postbus 3273
1001 AB Amsterdam
The Netherlands
+ 31 20 6795 422
www.medicalcannabis-biketour.com
Info@medicalcannabis-biketour.com

好き&GTしれない軍隊; *

affinche

Q u e s t o è u n m o m e n t o s t o r i c o.

E questo è sicuramente l’esercito che potrebbe piacerci!

マリファナの状態に到着: sarà prodotta dall’Esercito
Via libera alla coltivazione della cannabis per uso terapeutico La scelta è caduta sullo stabilimento chimico militare di Firenze.
Le coltivazioni controllate dallo Stato consentiranno di controllare i prodotti e abbassare i prezzi dei medicinali
Lo Stato produrrà marijuana a uso terapeutico. Per un paradosso della storia, a produrla sarà l’esercito italiano: verrà coltivata dallo stabilimento chimico militare di Firenze. Le origini dell’istituto farmaceutico risalgono al 1853, quando a Torino fu istituito un deposito di Farmacia militare.
Oggi lo stabilimento fiorentino, nato con l’obiettivo di produrre medicamenti per il mondo militare, ha esteso la sua attività anche al settore civile. E ora produrrà i farmaci derivati dalla cannabis attualmente importati dall’estero a costi elevati. Il via libera è stato dato dai ministri della Difesa e della Salute Roberta Pinotti e Beatrice Lorenzin, dopo varie polemiche e rallentamenti. La notizia verrà ufficializzata entro settembre.
Pinotti (Pd) aveva dato da tempo il suo ok. Lorenzin (Ncd) è stata più prudente, non solo per un approccio culturale diverso: soprattutto perchè le questioni che il suo ministero deve affrontare sono diverse e molto delicate dal punto di vista tecnico. Era stato istituito un tavolo di lavoro dove la questione è stata esaminata anche con l’istituto farmaceutico militare. Adesso, spiegano al dicastero della Salute, sono in via di stesura i protocolli attuativi. A questo punto, non è escluso che entro il 2015 i farmaci cannabinoidi saranno già disponibili nelle farmacie italiane.
Eppure questa conclusione non sembrava così pacifica: si temeva da una parte della maggioranza che si aprissero le porte alla liberalizzazione delle droghe leggere. Ma chiarito che non è questo il caso, l’accordo è decollato. Il ministro Lorenzin ha sempre detto che «dal punto di vista farmacologico, non ci sono problemi all’uso terapeutico della cannabis: nessuno mette in dubbio gli effetti benefici, ma va trattato come un farmaco». Insomma, non si tratta di fumarsi una canna, ma di coltivazione e produzione controllata e monitorata da una struttura, addirittura militare.
Il ministro della Salute, che si definisce una persona «open mind» e non chiusa in preconcetti ideologici, come ha dimostrato pure sulla fecondazione eterologa, non accetta che su questa materia si agitino battaglie culturali con l’obiettivo di liberalizzare le droghe leggere. «La mia impressione è che in questo Paese non si riesca a parlare in temi in termini laici e asettici, senza ricominciare a parlare di liberalizzazione».
Diverso è il caso di agevolare l’uso della cannabis a uso terapeutico, in particolare il ricorso ai cosiddetti farmaci cannabinoidi per lenire il dolore nei pazienti oncologici o affetti da HIV e nel trattamento dei sintomi di patologie come sclerosi multipla, sla, glaucoma. Perchè questo è l’obiettivo che porta la svolta di affidare a una struttura militare la coltivazione della marijuana e la produzione dei farmaci derivati.

Molte diffidenze nei confronti del ministro Lorenzin erano venute da ambienti Radicali e anche del Pd. Era stato detto che la responsabile della Salute frenava, rallentava questa soluzione, che invece aveva visto la sua collega Pinotti subito d’accordo.
Il senatore Luigi Manconi del Pd è stato uno dei più critici: rimane ancora diffidente perchè vuole vedere se si andrà fino in fondo in questa scelta. Era stato lui a proporre una legge per consentire la coltivazione della cannabis da parte di soggetti autorizzati, come appunto lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. «In condizioni, quindi, di assoluta sicurezza, ma il ministro Lorenzin ha ritardato nel dare una risposta positiva a fronte di una dichiarazione di consenso da parte del ministro Pinotti».
Adesso la risposta positiva c’è stata e nei prossime settimane verrà dato l’annuncio ufficiale.
Chi in questi anni ha insistito per questa soluzione, come la radicale Rita Bernardni, ha fatto presente i costi altissimi e la difficoltà di reperire i farmaci cannabinoidi.

Infatti solo 60 persone in Italia hanno avuto accesso alla cannabis per uso terapeutico attraverso le Asl.