Archivi categoria: legalized

LaGuida per fare l’Olio (di Cannabis) cheAiuta la Vita >*[GoodNews from BuenaVista0nAir’Club]

Si dice che conservare il proprio sguardo sul mondo aiuti a non perdere la vista.

E noi, qui su 0nAir Planet,  ogni tanto per vedere meglio quello che accade nel quotidiano presente, spesso recuperiamo sguardi passati su momenti importanti, momenti vissuti che hanno ampliato i nostri orizzonti visivi e visuali.

Vissuti che ci hanno accompagnato ad attraversare le soglie di nuovi universi di realtà, che ci hanno fatto diventare più grandi prima di tutto nella nostra capacità di vedere e di vivere. 

 

..Vissuti che Aprono Orizzonti e che disegnano Futuro…..

Tutto qui, e, ad 0nAir, non sembra poco >*

Conservare lo Sguardo può salvare la Vista…>*

Ed ecco perché oggi il Direttore ha deciso di riproporci uno di quei momenti, e di condividerlo con quanti di/Voi/Noi/Voi, ci auguriamo in tante/i, avranno voglia, desiderio, interesse e curiosità e piacere di ampliare il proprio sguardo, conservandolo!, su nuove Visioni, Visuali e Vedute;)
In ogni modo stiamo parlando di qualcosa di estremamente interessante: il famosissimo Rick Simpson Oil, l’olio di cannabis, completamente naturale e senza rilevanti effetti collaterali, ormai conosciuto in tutto il mondo e riconosciuto dalla Comunità Scientifica Internazionale e dall’O.M.S. >*  
Rick Simpson ha guarito se stesso da un melanoma metastatico nel 2003 e da allora ha dedicato la sua vita a divulgare le proprietà curative e rigenerative della cannabis, mettendo a disposizione di tutti la sua ricetta originale per l’estrazione dell’olio dalle infiorescenze essiccate.
Egli si è convinto, sulla base della propria personale esperienza e di numerosissimi riscontri clinici lungo l’arco dell’ultimo ventennio, che ingerire oralmente olio di canapa distrugga le cellule tumorali nel corpo  con l’uso topico, può controllare o addirittura curare varie malattie della pelle, quali i melanomi.
Tuttavia, come con qualsiasi sostanza, con un proprio Principio Attivo, può avere alcune controindicazioni e causare effetti collaterali;  fra i tre più importanti citiamo desiderio di cibo, l’euforia, la sonnolenza.
Si tratta di un farmaco estremamente sicuro rispetto ai centinaia di farmaci in commercio, infatti, nessuno è mai morto di cannabis, somministrata in qualsivoglia forma e in qualsiasi quantità.
[√ Tranne l’ormai nota storia del tipo colpito da un baule contenente 150 chilogrammi di pura Ganja scagliato dal settimo piano di un palazzo di pusher in cui stava per svolgersi una retata ∂] 
In questi 20 anni Rick ha trattato con il suo OLIO, pazienti di qualsiasi condizione medica, tra cui: cancro, AIDS, artrite, sclerosi multipla, diabete, leucemia, morbo di Crohn, depressione, osteoporosi, psoriasi, insonnia, glaucoma, asma, ustioni, emicranie, regolazione del peso corporeo, dolore cronico e mutazione cellulare (polipi, verruche e tumori). Buona parte di queste esperienze sono raccontate nel documentario “Run from the cure”, che è stato realizzato da Christian Laurette nel 2008 .  In questo documentario vengono spiegati in modo meticoloso tutti i benefici dell’olio di cannabis. Qui sotto il Link per la Visione Integrale : https://youtu.be/n_ggVZBPdyQ
Ma c’è di più: rendendoci perfettamente conto che, con i tempi che corrono, probabilmente pochi sarebbero in grado di provvedere da se all’estrazione del Rick Simpson Oil, vi proponiamo nell’occasione una breve panoramica dei vari metodi per ricavare l’olio dalla Cannabis, e anche i vari preparati che sono ad oggi prescrivibili e reperibili in molte farmacie galeniche. Parliamo di Preparati che in farmacia si possono acquistare  con ricetta medica*, dato che per l’attuale Legge sugli stupefacenti il THC è classificato come farmaco stupefacente e psicotropo.Pensiamo di fare cosa buona e giusta vista anche la necessità diffusa di fronteggiare attacchi virali e patogeni di vario tipo e vista l’esigenza sempre crescente  di Integratori Naturali che sostengano le nostre Attività Cellulari senza effetti collaterali….

Con il termine “olio di cannabis medicale” si possono intendere diverse preparazioni galeniche con diversi metodi estrattivi e solventi diversi, ed il Medico prescrittore può richiedere qualunque metodica di preparazione, tra quelle lavorabili dal Farmacista.

Per le Estrazioni dell’Olio contenente i Principi Attivi si possono utilizzare tutte le varietà legali di cannabis terapeutica reperibili in Italia:

  • Olandese (Bedrocan, Bediol, Bedrobinol, Bedica e Bedrolite),
  • Canadaese (Pedanios 22/1, 8/8 e 1/12)
  • Italiana prodotta dallo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze (FM1 e FM2)

Si tratta di Preparazioni Galeniche, ossia realizzate dal Farmacista in Laboratorio. Non è un Farmaco Pre-Confezionato.  

Esistono molteplici modi per prepararlo: con una sola varietà di cannabis, con un mix (blend) di cannabis, con un tipo di olio piuttosto che un altro. 

Lo stesso flacone di olio (esempio 50 ml) può essere fatto più  o meno concentrato a seconda della quantità di cannabis usata (10 grammi di cannabis, 20 grammi, 50 ecc.).

E’ una scelta del Medico e del Paziente e,  là dove il costo della preparazione non viene rimborsato dal sistema sanitario publico, è anche una questione di disponibilità economica.

E, in ultimo, anche se preparato con la stessa quantità di cannabis (es. 5 grammi in 50 ml), ogni Farmacia può avere metodi di preparazione differenti che portano a concentrazioni differenti.

Per questo è sempre fondamentale richiedere  il certificato di analisi dell’olio, che la Farmacia deve sempre eseguire OBBLIGATORIAMENTE.

Detto Questo, >> per capacità estrattiva, sicurezza del solvente e diffusione metodologica le Principali Tecniche Estrattive sono:

A) L’estrazione in olio di oliva (puro, di grado farmaceutico da Farmacopea) che produce un olio di cannabis terapeutico  detto “Cannabis Olive Oil” ottenuto da cannabis farmaceutiche diverse e , con THC in % variabile.
 La via di somministrazione fortemente raccomandata è l’assunzione sublinguale o transgengivale, in modo da bypassare il metabolismo di primo passaggio e permettere di raggiungere elevate concentrazioni nel sangue.

B) L’estrazione in altri oli vegetali (arachidi,  mais, …) tutti di grado Farmaceutico. 

C) L’estrazione in olio MCT (medium chain triglycerides), un olio a base di trigliceridi a catena media costituiti da acidi grassi a media catena che non richiedono l’azione emulsionante dei sali biliari e vengono assorbiti più facilmente. Questi sono più solubili in acqua e attraversano più facilmente lo strato acquoso che bagna il villo intestinale. Somministrati per via orale possono essere assorbiti e idrolizzati direttamente dalla mucosa intestinale senza subire l’iniziale idrolisi enzimatica. 

D) L’estrazione in alcool etilico (puro 96°, di grado farmaceutico da Farmacopea e non alcool alimentare), Cannabis Oil FECO – Full Extract Cannabis Oil  o appunto olio di cannabis Rick Simpson (RSO)/FECO.

*Per tutte queste preparazioni occorre la Ricetta Medica poiché contengono THC in percentuale variabile ma consistente.

Abbiamo Pubblicato la Guida per il Rick Simpson Oil in Collaborazione con il nostro complice Borjs Zimetov (a lui un Abbraccio Gigantesco) 4 anni fa, nel Numero 6 di 0nAir, un numero Speciale con ben 132 Pagine che ci era costato un incredibile mole di lavoro e di impegno.

> > a Borjs arrivi
un Abbraccio >>>>>Gigantesco…>*

Un Numero stampato in 10.000 copie che sono poi state sottratte a Noi/Voi/Noi/Voi(…)  in maniera fraudolenta da una (nota?) grande(?) azienda del settore che doveva farci da “sponsor” e che invece si era trasformata in “cecchino”.

Una Brutta e Passata AVVENTURA, che avrebbe potuto “eliminarci” e che invece ci ha reso mirabilmente più forti.

 

 

…un Complice che si era rivelato un Cecchino…..

 

E la Forza e la Fragranza del 6 e arrivata sino ad OGGI, integra, nonostante le ferite, resistendo ad attacchi vari e tempeste di veleno.

E, da quel numero, attraverso le infinite e spesso imperscrutabili Vie della Forza,  ecco a voi la Guida ( Visuale ; ) per fare l’Olio di Rick, che ti Salva la Vista e ti Aiuta la Vita:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::>*

> > a Borjs arrivi
un Abbraccio >>>>>Gigantesco…>*

…E qualsiasi cosa proviate a fare, fatto in Sicurezza Please!

 

BuonaLettura, Buona Guida, Forza, Coraggio e Sù con la Vista >* 😉

Prendetevi Cura di Voi, Non abbandonate mai il vostro speciale sguardo sul mondo e non perdete il vizio di Essere voi Stessi >*

Ci vediamo con L’8 >*

Nel Frattempo …

…..nel frattempo….
rimaniamo Uomini >*

….Rimaniamo Uomini >*

Redazionale 1/21 from 0nAir Planet >*

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

19 Dicembre 2019: Amanti della Cannabis, Segnatevi Questa Data!

A quanto pare l’aria di Natale, quest’anno, ha portato a qualcuno una buona dose di coraggio e di determinazione per iniziare a sanare una delle piaghe più infette del nostro ordinamento penale: la L.309/90>*

Ancora una volta, dove la Politica non osa e dove non arriva la forza dei Movimenti Civili, arriva la nostra Costituzione a salvarci attraverso una Giurisprudenza moderna e democratica……

E così c’hanno pensato le Sezioni unite penali della Cassazione nell’udienza del 19 dicembre scorso, chiamata a esprimersi su un ricorso presentato il 21 ottobre, a decidere che Coltivare Cannabis in casa, se le piante sono poche e per uso personale, non è reato, sancendo, attraverso quanto deliberato Giovedì 19 Dicembre 2019, che:

non configurano reato “le attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica, che, per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante, il modestissimo quantitativo di prodotto ricavabile, la mancanza di ulteriori indici di un loro inserimento nell’ambito del mercato deglistupefacenti, appaiono destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore”. 

Viene dunque sostenuta, in maniera unitaria,  la tesi per cui il bene giuridico della salute pubblica non viene in alcun modo pregiudicato o messo in pericolo dal singolo assuntore che decide di coltivare per se’ qualche piantina, e quindi  non costituirà più reato coltivare in minime quantità la cannabis in casa.

La Corte costituzionale che già in passato era intervenuta più volte sul tema, aveva sin qui sposato una linea rigorosa, basata su un semplice principio: la coltivazione di cannabis è sempre reato, a prescindere dal numero di piantine e dal principio attivo ritrovato dalle autorità e anche se la coltivazione avviene per uso personale.

Si affermava che “la condotta di coltivazione di piante da cui sono estraibili i principi attivi di sostanze stupefacenti” potesse “valutarsi come ‘pericolosa’, ossia idonea ad attentare al bene della salute dei singoli per il solo fatto di arricchire la provvista esistente di materia prima e quindi di creare potenzialmente più occasioni di spaccio di droga”.

E questo orientamento, tranne qualche sentenza isolata e “controcorrente” come quella del 2011, dove si affermava che una sola pianta di cannabis non può essere considerata ‘offensiva’ dato che “non è idonea a porre in pericolo il bene della salute pubblica o della sicurezza pubblica” , ha sin qui prodotto una giurisprudenza bloccata sull’assioma proibizionista, peraltro perfettamente sposato dalla linea della Consulta che con la decisione del 9 marzo 2016 aveva tirato il cappio al riconoscimento del Diritto di Coltivazione di Cannabis per Uso Personale.

Ora il cambio di rotta sembra evidente, e se non c’è proprio un ribaltamento del principio di colpa proibizionista, almeno ci pare di intravedere un punto di svolta nel lungo cammino della Liberazione del Principio (attivo!) negato (leggi THC).

E adesso, in questi giorni di pranzi di festa e di cene natalizie, dopo avere gustato l’antipasto della massima provvisoria emessa dalla Corte dopo l’udienza del 19 dicembre, attendiamo “sens’ansia & senza stress” le motivazioni della pronuncia, per potere, magari, brindare, insieme all’anno che verrà, anche al Tempo Nuovo del Diritto di Cannabis in Italia.

esseì from 0nAir Planet >*

 

 

Secret Cup | IV edizione | Napoli 2018 – La vittoria è uno sballo

Q u a n d o   s i   c o n o s c e  u n a c o s a d a l P r i n c i p i o, e la si è vista crescere, ci si rende subito conto dei cambiamenti che manifesta. E’ il caso della Secret Cup Napoli, che arrivata quest’anno alla Quarta Edizione, cambia passo e si rilancia come Iniziativa Politica & di Attivismo Cannabico, punto di riferimento reale per il Diritto di Cannabis in Italia >*
La manifestazione si svolge ogni anno a Napoli, con il principale scopo di diffondere e attuare pratiche di resistenza contro ogni forma di proibizionismo e restrizione.
Ogni anno decine di competitors si incontrano e mettono a valore il frutto del proprio lavoro in uno spazio creato dal basso, principalmente grazie al lavoro volontario di tantissimi ragazzi, il cui scopo principale è la creazione di una competizione pulita e nata dalla spinta di una volontà collettiva finalizzata allo sdoganamento di una questione che altrimenti non avrebbe ragione di esistere in un sistema politico, come quello italiano, che condanna indiscriminatamente ogni forma e uso di sostanze legate alla cannabis e ai suoi derivati.
Secret Cup Napoli si propone inoltre, anche attraverso la propria pagina Secret Cup Napoli  di dare rilevanza pubblica, non solo all’evento e alla competizione in sè, ma alla definizione di una questione, considerata ancora oggi un tabù. Lo scopo è moltiplicare pratiche, condivise, legate al discorso sulla marijuana, supportato da una narrazione politica che dia rilevanza a forme di resistenza contro tutto il discorso sul proibizionismo.
Quest’anno ne abbiamo approfittato per scambiare qualche riflessione con Adriano, anche sulla attuale situazione italiana e sulle contraddizioni di un settore e di un ambiente, dove tutti sembrano guardare solo al proprio metro quadrato di orticello. E sulla più generale crisi economica e sui suoi nessi con le leggi proibizioniste.
E quello che ci ha detto il sorprendente Capitano di Legalized, va ben oltre la sua ben nota intelligenza e acume. A proposito dell’enorme massa di economie individuali massacrate, in maniera sommersa, dalle leggi e dalle logiche proibizioniste e dalla negazione del Diritto di Coltivazione, la prospettiva “geniale” e degna di una Lezione Universitaria di Sociologia Economica, è quella di pensare e di considerare esplicitamente l’Economia Pubblica, cioè la macro-economia italiana, dominata dalla crisi, come “effetto” delle tante Economie Individuali, la micro-economia del cittadino comune, “strozzate” e rese dipendenti dal narco-traffico e dall’illegalità e schiave del denaro.
LA CRISI COMPLESSIVA DELL’ECONOMIA ITALIANA CO-GENERATA DA UN SISTEMA GIURIDICO CHE NEGA AI CITTADINI LA POSSIBILITA’ DI COLTIVARE “ECONOMICAMENTE” LA LORO PIANTA PREFERITA.
In questo senso Realtà come LEGALIZED sono in Italia un esempio concreto di Attivismo Cannabico reale, con la forza di un messaggio storico: “Non vendere ciò che coltivi”! e con la difesa della Coltivazione Personale preferita a qualsiasi forma di commercializzazione e distribuzione controllata. Ci sono vari modi di portare avanti le proprie idee e i propri ideali e di “lottare” per ciò che si ritiene un proprio “diritto”. Così come ci sono molti modi di condurre un’impresa e di gestire un’attività commerciale. Il modo di Legalized l’ho scoperto 4 anni fa, all’inizio della mia avventura con 0nAir, e ne sono rimasto subito impressionato! E’ la verità. La loro, per quanto ho avuto modo di sperimentare in questi anni, è coerenza pura tra il dire e il fare. Una merce rara di questi tempi.
Coerenza tra il pensare e l’agire, tra stomaco, cuore e cervello. Ed è questo modo che si riflette nella natura e nello spirito della Secret Cup Napoli e la rende unica. Un evento la cui portata va ben oltre l’indiscutibile valore delle genetiche e delle estrazioni in competizione. Un evento dove la Vittoria è concepita come capacita’ di superare i propri limiti, più che di portare a casa un trofeo.
Perchè solo così “ la Vittoria è uno Sballo” >*
Di seguito il Tabellone della Competizione con i Vincitori per le varie Categorie.
Buona Lettura e alla Prossima